amatriciana alla giudia

la cipolla si strugge si compiace nell’olio che le ha donato la sua extraverginità, esprime la sua gioia con tante bollicine luminose che si fanno tutte intorno in attesa della piccola cascata di grasselli e carne secca che sfrigolano in caduta libera nell’ambra dell’imbrunire prima di tingersi di pomodorosso. e i bucatini di grano duro…

pezzetti fritti

la pastella, la più leggera, la più fluida e densamente sensuale, aspetta serena i suoi piccoli spasimanti, bambini e bambine che si tuffano a candela. affondano che sono pallidi come il primo giorno di vacanza e riemergono con una meravigliosa e scintillante carnagione dorata, orgogliosi di essere vegetali. quando sono in bocca, lo stesso rumore…